IL VISITATORE NOTTURNO di Jeffery Deaver

Un caro saluto a tutti! Oggi vi parlo del nuovo thriller di Jeffery Deaver intitolato IL VISITATORE NOTTURNO, un romanzo nel quale tutte le porte, anche le più inespugnabili, si spalancano e cedono il passo a un sinistro figuro…

C’è un sociopatico che scorrazza per le strade della di New York e porta avanti un piano che nessuno conosce. Intelligente. Calcolatore. Ossessionato da dispositivi meccanici: non c’è serratura che possa resistergli, per quanto sofisticata e costosa. Si introduce di notte nelle case delle vittime che dormono beate e si mette a spostare oggetti, seminando il panico al risveglio. Il visitatore notturno, in arte il Fabbro, ha una discreta collezione di strumenti per bypassare ogni tipo di serratura, da quelle classiche a quelle elettroniche a combinazione: il suo motto è aprire ciò che è chiuso.

“Ci sono due vie per scassinare una serratura. L’approccio più grezzo prevede l’utilizzo di un grimaldello a pistola (basta infilare la punta nella serratura e premere il grilletto finché quella non si apre) o il ricorso alla tecnica del key bumping (metti nella toppa una chiave sagomata, detta a urto, e la martelli con forza fino a far scattare la serratura). Nel secondo approccio si fa affidamento ai grimaldelli tradizionali. E’ una tecnica discreta, un metodo da artista.” 

A seguire le indagini su questo inquietante manigoldo c’è lo scienziato forense Lincon Rhyme, il cui peggior incubo non è aver a che fare con un killer psicopatico, ma la noia, perchè per lui annoiarsi è un po’ morire. Rhyme conosce la città come le proprie tasche: un bagaglio che unito alle competenze in materia di chimica, fisica e la spiccata capacità deduttiva, lo rende unico. Lo affianca la moglie e collega Amelia Sachs che sembra incarnare tutti i pregi del mondo: ex modella, bellissima e sensuale, intelligente, coraggiosa e capace di guidare un auto ben oltre i duecentoquaranta chilometri all’ora. (Non sarà un po’ troppo?)

Una storia dal taglio moderno, non mancano le conferenze su zoom e il tema spinoso dai risvolti oscuri del  traffico di Informazioni. Racconta come l’inquietante spione, studi le proprie vittime attraverso i vari post che pubblicano sui social. Verso pagina trecento mi sono chiesta cosa mai sarebbe potuto succedere di tanto sconvolgente, da giustificare le successive centosessanta, ma ecco che Deaver spariglia le carte in tavola con un abile colpo di scena. Chapeau! Finale adeguato con tanto di riflessione del protagonista a sfondo morale.

Forse IL VISITATORE NOTTURNO non verrà ricordato come il thriller dell’anno, tuttavia riconferma, se mai fosse necessario, il talento indiscusso di un maestro di questo genere.

il visitatore notturno

Dettagli

Jeffery Deaver
Rosa Prencipe
Rizzoli
Rizzoli narrativa
2021
14 settembre 2021
464 p., Brossura